Contributo ai lavori del direttivo della D.C.

Caltanissetta 01.01.2013

Contributo ai lavori del direttivo della D.C.

            Ci siamo ormai disabituati alle profezie e così non abbiamo compreso quella dei Maja, di cosa significhi cioè il capovolgimento di un sistema di vita ormai saldato al concetto di vittoria, ricorrente dietro un Avvento speciale 12 anni dopo la svolta del duemila (un apostolo per ciascun anno).

             Parallelamente la storia dei Re Magi dall’altra parte del mondo è stata peraltro il simbolo di una rivoluzione sociale, prima ancora che iniziasse quella del Verbo di Gesù

             Noi invece qui testardi per 2000 a ripeterci la medesima lagna – …chi non vince ha fallito .. essere secondi non serve a nulla – alla faccia dello spirito Olimpico e, ciò che più rattrista, senza riflettere sul sacrificio di chi si è consegnato ad una  crocifissione con lo scopo di dimostrare agli uomini che il perdere è la vera specialità che alimenta l’anima e ci insegna come la teoria del Giuda di turno sia assolutamente priva di contenuto vitale.

             Se finora da allora è noto che i primi saranno gli ultimi, certo permane una forte incomprensione dei più per la difficoltà obiettiva di riconoscere in un nulla di fatto l’essenza vincente della passività, più che della battaglia, chiarendo così che lo scopo della vita, a partire dagli animi più sensibili, è il porgere l’altra guancia.

             Così come è difficile essere sicuri che il vento di questa liberazione  progressivamente migliorerà la vita ad un numero sempre crescente di creature e la ripresa di un cammino verso la pace interiore passerà sopra tutto in questo anno con una perdurante sensazione di sconfitta, perché la storia degli uomini sembrerà ancora appesantita da una ricerca, pur decrescente, di supremazia, prima vissuta senza interruzioni, anche sfiorando ipotetiche guerre atomiche.

             Come dire che la speranza di vincere quest’anno si è fermata nella coscienza di tutti e la vita ha bruciato il suo tempo con quello di noi titolari, che dobbiamo adeguarci alla pienezza della accettazione della sconfitta, come nuovo e sistematico traguardo politico economico e sociale.

             Occorrerà cibarsi di pane dello spirito e companatico realistico, di un inscindibile dualismo di supporto alla esistenza totale fatta di decrescente felicità materialistica, ma sapientemente alternata con una funzione crescente da una cristianità popolare secondo i canoni delle civiltà maturate ormai da centinaia di anni, insomma una fusione vitale ed alternante tra i simboli del feudalesimo e del rinascimento, rispettivamente icone della materia e dello spirito.

             Se in fondo, guardando alla politica, nel Novecento la storia dei partiti si è snodata sopravvivendo su questa traccia illuminata – tra il concetto di Liberismo e quello del Socialismo – ricerchiamo allora nel futuro un passato di questo tenore, che ben si adatti a questa profonda duplice trasformazione, coniugabile ed essenziale l’una all’alta.

             L’atto di nascita della D.C., quale autentica guida e con il suo bagaglio di saggezza, ci aiuti ad abbandonare per ciò innanzi tutto la degenerazione dell’orgoglio della vittoria e della supremazia ed a riprenderci il pensiero del dopoguerra, culla in cui fu pensata, pervasa da uno spirito già Europeo di Rinascimento Cristiano, richiamandosi accanto quello spirito di solidarietà proprio della internazionale socialista ed accostandosi ai due veri e bilanciati sostegni all’uomo comune, che aspetta da sempre un vademecum  per procedere senza paura in un cammino realisticamente popolare e giusto.

Cari auguri da Giorgio Bongiorno

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...